3 segnali di previsione del crollo del mercato azionario che non conoscevate

Segnali di allarme di un crollo del mercato azionario

A meno che non si tratti di una forza maggiore come un meteorite o una pandemia, il mercato di solito fornisce segnali di avvertimento mesi e persino anni prima di ogni grave crollo borsistico.

Il problema è che la maggior parte delle persone non conosce questi segnali. E molti di quelli che lo sanno spesso li ignorano finché non è troppo tardi. Come è successo di nuovo nel crollo del mercato azionario del 2022.

In questo articolo scoprirete un paio di indicatori che la maggior parte degli investitori e dei trader principianti non conosce.

Questi strumenti di previsione del mercato non sono utili solo per valutare la probabilità di un futuro crollo del mercato. Possono anche essere utilizzati per prevedere la possibile profondità di un declino economico nel momento in cui si sta formando.

L'indicatore "Vendite BMW di due anni fa

l'indicatore di vendita di bmw di due anni fa per prevedere un crollo del mercato azionario

Ogni osservatore del mercato che si rispetti sa che le vendite di autoveicoli sono un ottimo indicatore di ciò che sta accadendo all'economia e che un calo delle vendite di auto può essere un segnale di un imminente calo del mercato azionario.

Purtroppo non è possibile avere un vantaggio se si utilizza un segnale che viene utilizzato da tutti gli altri. 

Il secondo problema è che i dati sulle vendite di veicoli sono un indicatore ritardato. Ciò significa che probabilmente si otterranno le statistiche pubbliche che vengono pubblicate solo alla fine di ogni trimestre.

E quando leggerete le statistiche, il mercato sarà già crollato e sarà troppo tardi per salvarvi dalle perdite o per comprare prima degli altri.

Come fanno quindi i subdoli hedge fund a ottenere i segnali necessari prima di tutti gli altri? Un metodo poco ortodosso consiste nell'utilizzare quello che chiamiamo l'indicatore "Vendite BMW di due anni". Questo indicatore analizza la dinamica degli annunci di vendita di veicoli usati.

Ad esempio, se si registra un forte aumento delle inserzioni di BMW, Mercedes o altre auto di lusso di due o tre anni, potrebbe essere un segnale che le persone stanno iniziando ad avere difficoltà a pagare le bollette del leasing.

Potete scoprire le altre 9 strategie losche degli hedge fund in questo articolo.

Le persone non vendono in massa le loro nuove BMW solo due anni dopo averle acquistate... a meno che non abbiano difficoltà finanziarie.

L'aspetto positivo è che queste informazioni sono pubbliche e vive. Basta imparare a fare lo scraping dei siti web. Per esempio, abbiamo fatto un piccolo esperimento nel nostro Tre investitori nel 2019.

Abbiamo costruito un bot veloce che striscia il sito #1 di veicoli usati nel nostro paese per verificare le dinamiche degli annunci di vendita di auto nuove. 

Gli annunci di vendita di auto usate salgono prima del crollo del mercato del 2020

Il piccolo esperimento ha confermato che poco prima del crollo del mercato globale, il numero di annunci di auto usate ha iniziato a crescere in modo significativo.

Con l'insorgere della pandemia, le persone cominciarono a perdere il lavoro, le aziende temevano le conseguenze della pandemia e iniziarono a vendere le loro scorte di auto.

È certo che i grandi hedge fund dispongono di algoritmi di scraping molto più avanzati per un'ampia varietà di settori.

L'indicatore del margine di indebitamento

indicatore del margine di indebitamento del dollaro con la lente d'ingrandimento

Questo indicatore è uno dei più forti predittori di possibili ribassi del mercato, ma è relativamente sconosciuto tra gli investitori e i trader al dettaglio.

Ecco come funziona.

Molti broker di trading azionario consentono ai loro utenti di prendere in prestito denaro per il trading. Si tratta del cosiddetto leveraged trading o margin trading.

La leva massima che la maggior parte dei broker offre è 1:30. Ciò significa che se si deposita $1.000 si può effettuare un'operazione del valore di $30.000. In questo caso, se l'operazione va come previsto, il vostro profitto sarà 30 volte maggiore rispetto a quello ottenuto senza leva. Se l'operazione va contro di voi, le vostre perdite saranno moltiplicate per 30 volte.

La leva finanziaria è un'arma a doppio taglio. Il problema è che se molti investitori o trader utilizzano la leva finanziaria, aumenta il rischio di un'estesa crisi finanziaria, che può esercitare ulteriori pressioni sull'economia.

È emerso che esiste una forte correlazione tra il trading con leva finanziaria e i crolli del mercato azionario. Come si possono ottenere queste informazioni?

Osservando un indicatore chiamato livelli di Margin Debt, pubblicato dalla FINRA.

Segnali di allarme di un crollo del mercato azionario - debito a margine 2

Come si può vedere nell'immagine qui sopra, si ripete uno schema di impennate dei livelli di leveraged trade seguite rapidamente da bruschi cali del mercato azionario.

Indica inoltre che nel maggio 2022 l'onda di collisione ha appena iniziato a formarsi e sembra destinata a scendere ulteriormente.

Ecco un'analisi più dettagliata:

Segnali di allarme di un crollo del mercato azionario - Trading con leva (1)

Possiamo osservare che i maggiori crolli sono solitamente seguiti da brevi periodi di tempo in cui gli investitori sono cauti e non utilizzano la leva finanziaria (le barre verdi). Oppure i broker semplicemente non glielo permettono.

L'indicatore della curva dei rendimenti invertita

Che cos'è la curva dei rendimenti invertita e la curva dei rendimenti normale?

Molti analisti di mercato leggono l'inversione della curva dei rendimenti come un segnale di recessione in arrivo. perché ha un discreto record di previsione dei ribassi del mercato.

***

Tutte le 10 recessioni dal 1955 sono state precedute da una curva dei rendimenti "invertita (Fonte). Cioè il rendimento a 3 mesi è superiore a quello a 10 anni.

***

Le inversioni della curva dei rendimenti e il loro significato

Le curve dei rendimenti richiedono una spiegazione lunga e complessa, ma ecco ciò che è assolutamente necessario sapere:

Quando i tassi di interesse (rendimenti) dei titoli di Stato a breve termine salgono al di sopra del livello dei rendimenti a lungo termine, è probabile che si verifichi una recessione entro 2-3 anni. 

Vediamo di semplificare la questione.

Gli Stati Uniti offrono obbligazioni quando hanno bisogno di più denaro. Vendere un'obbligazione significa prendere in prestito denaro e pagare un interesse (rendimento) all'acquirente. Quando si acquista un'obbligazione, non si può accedere al denaro fino alla scadenza del periodo obbligazionario.

La maggior parte delle obbligazioni ha durate diverse. Ad esempio, tre mesi, un anno, dieci anni, ecc. Le obbligazioni hanno tassi di interesse (rendimenti) diversi, proporzionali alla loro durata.

Normalmente, la curva dei rendimenti, una linea che misura i rendimenti di tutte le scadenze, è inclinata verso l'alto, dato il valore temporale del denaro.

In un mercato sano, più lunga è la scadenza del titolo di Stato acquistato, più alto è l'interesse pagato..

Questo ha senso se ci si pensa. Congelare il proprio denaro per un periodo più lungo significa essere meno flessibili nell'investimento e, di solito, il proprio denaro perde valore nel tempo a causa dell'inflazione.

Tuttavia, quando la curva dei rendimenti si inverte, significa che i tassi d'interesse giù più a lungo si vincola il denaro. Questo non ha molto senso e significa che qualcosa non va bene.

L'inversione della curva segnala che i mercati e gli investitori pensano che stia per accadere qualcosa di negativo per l'economia nel breve periodo.

Temono di nona crescita dell'economia rallenterà, le entrate fiscali del governo si ridurranno (rispetto alle aspettative) e il dollaro USA si svaluterà.

Esempio di processo di inversione del rendimento

Ad esempio, quando gli investitori temono una recessione a breve o medio termine (da 3 mesi a 5 anni), è probabile che investano in titoli di Stato a lungo termine (5-10 anni).

I rendimenti delle obbligazioni sono dettati dalla domanda e dall'offerta, quindi quando molti investitori lo fanno, il prezzo delle obbligazioni a lungo termine aumenta e il rendimento diminuisce.

Perché? Se c'è una grande richiesta per una certa obbligazione, il governo può ridurre l'interesse che paga a chi la compra. Gli investitori li compreranno comunque.

Di conseguenza, quando ciò avviene in misura sufficiente, i tassi a lungo termine scendono al di sotto di quelli a breve termine.

Questo indicatore è a prova di bomba?

No. Come qualsiasi altro indicatore, può produrre falsi segnali e deve essere utilizzato in combinazione con altri strumenti di analisi.

Ad esempio, gli investitori che hanno venduto le loro attività quando la curva dei rendimenti si è invertita il 14 dicembre 1988, hanno perso un successivo guadagno di 34% nell'indice S&P 500.

La curva dei rendimenti si è invertita anche il 23 maggio 2019. Se non consideriamo il calo del Covid, il mercato ha registrato un'impennata record fino al 2022. L'inversione ha previsto la crisi del Covid?

Molto probabilmente no. Stava segnalando il crollo del 2022? Potrebbe essere, perché può volerci molto tempo prima che si formi un vero e proprio crollo.

In conclusione. L'inversione della curva dei rendimenti è un indicatore importante da tenere d'occhio, poiché segnala una maggiore probabilità di recessione in arrivo a 2-3 anni di distanza. Può dare falsi segnali e se si smette di acquistare azioni ogni volta che se ne individua una, si possono perdere fino a 3 anni di guadagni, poiché non si sa mai quando esattamente arriverà.

L'indicatore di Buffett

L'indicatore di Buffett è un indicatore ampiamente utilizzato che misura se il mercato azionario è sotto o sopravvalutato. È stata proposta per la prima volta nel 2001 da Warren Buffett, il leggendario investitore.

Il concetto di indicatore di Buffett mostra il valore totale del mercato azionario statunitense rispetto al prodotto interno lordo (PIL) del Paese.

L'indicatore di Buffett per la previsione del crollo del mercato azionario

Attualmente, l'indicatore di Buffett si attesta intorno a 175%. Secondo la metrica di Buffett, ciò significa che il mercato è notevolmente sopravvalutato e destinato a un ulteriore calo. 

Ecco come Warren legge l'indicatore:

  • Una lettura di 75% - 90% significa che il mercato è valutato in modo equo.
  • 90% - 115% indicano che il mercato è modestamente sopravvalutato
  • 115% e altri segnali che indicano che il mercato è altamente sopravvalutato e soggetto a cali significativi. 

Tuttavia (come per ogni indicatore), bisogna prenderlo con le molle e usarlo insieme ad altri segnali. L'indicatore si trova al di sopra di 115% dal 2015 circa, eppure il mercato ha continuato a salire.

Una delle possibili spiegazioni del perché il mercato non si sia mosso secondo l'indicatore è che i tassi di interesse sono stati ai minimi storici durante questo periodo.

Come ha detto lo stesso Warren Buffett:

"I tassi di interesse agiscono sulle valutazioni finanziarie come la gravità agisce sulla materia: Più alto è il tasso, maggiore è la spinta verso il basso. Questo perché i tassi di rendimento di cui gli investitori hanno bisogno da qualsiasi tipo di investimento sono direttamente legati al tasso privo di rischio che possono ottenere dai titoli di Stato. Pertanto, se il tasso governativo aumenta, i prezzi di tutti gli altri investimenti devono adeguarsi al ribasso, fino a raggiungere un livello tale da allineare i tassi di rendimento attesi. Al contrario, se i tassi di interesse governativi scendono, il movimento spinge i prezzi di tutti gli altri investimenti verso l'alto."

Come sappiamo, la FED ha dichiarato più volte che probabilmente aumenterà i tassi di interesse nel 2022, aggiungendo così un'ulteriore pressione al ribasso sui prezzi delle azioni e la previsione dell'indicatore Warren potrebbe iniziare a concretizzarsi.

3 punti chiave da cui partire

  1. I mercati forniscono sempre degli indicatori che indicano l'avvicinarsi di un calo significativo. Il problema è che questi indicatori non forniscono il momento esatto del crollo. Si possono vedere gli indicatori lampeggiare in rosso, ma il crollo vero e proprio potrebbe iniziare solo due anni dopo. E, ironia della sorte, i maggiori rally del mercato azionario si verificano di solito proprio prima dei crolli, ed è molto difficile smettere di investire nei momenti di massima euforia.
  2. Non bisogna mai affidarsi a un singolo indicatore. I mercati finanziari sono influenzati da migliaia di fattori, pertanto i singoli indicatori possono talvolta fornire segnali falsi o imprecisi.
  3. Se volete esercitarvi a prevedere il mercato azionario senza alcun investimento o rischio, potete utilizzare il programma simulatore di trading gratuito abbiamo costruito. 

Se questo articolo vi è piaciuto, non esitate a condividerlo con i vostri amici. Condividere è importante.

Immagine predefinita
Daniel Ug

Cofondatore di Three Investeers e Stock Market Simulator Game. Daniel ha conseguito una laurea in Finanza e Tecnologie dell'Informazione presso la BA School of Business and Finance, in Lettonia.

Articoli: 7
it_ITItalian