Insolite compravendite di azioni da parte dei membri del Congresso USA

È illegale avere informazioni privilegiate su una società che influenzano materialmente il prezzo delle sue azioni e fare trading su tali azioni. Ad esempio, se qualcuno utilizzasse la sua posizione in un hedge fund che sta valutando la fusione con Apple per negoziare le azioni di Apple prima che la fusione sia stata annunciata pubblicamente, commetterebbe insider trading. In alcuni casi, un individuo può commettere insider trading anche se non dispone di informazioni materiali non pubbliche su una società. Ad esempio, se qualcuno viene informato dall'amministratore delegato di Facebook che l'azienda non raggiungerà gli utili e poi vende le sue azioni di Facebook prima che tali utili vengano resi pubblici, potrebbe comunque essere colpevole di insider trading perché avrebbe dovuto sapere che sarebbe stato illegale vendere le sue azioni senza rivelare le informazioni materiali non pubbliche di cui è venuto a conoscenza.

recinzione metallica nera vicino a un edificio di cemento bianco durante il giorno

Ai membri del Congresso degli Stati Uniti è vietato utilizzare tali informazioni non pubbliche per scopi personali.

Ai dirigenti e agli altri insider di un'azienda non è consentito utilizzare tali informazioni non pubbliche a fini personali. Queste regole si applicano anche ai membri del Congresso e ai loro collaboratori, ai quali è vietato utilizzare tali informazioni non pubbliche a fini personali. Le transazioni azionarie in questione sono state legali e divulgate pubblicamente.

I legislatori e i loro collaboratori, quindi, erano liberi di vendere o acquistare azioni delle società al centro di questi dibattiti legislativi. Non potevano però utilizzare le loro conoscenze avanzate sugli effetti che questa legislazione avrebbe potuto avere sui prezzi delle azioni di queste aziende.

L'insider trading è spesso associato a dirigenti e altri insider all'interno di un'azienda, ai quali la legge vieta di praticare l'insider trading in base alle leggi e ai regolamenti sui titoli.

Il divieto legale di insider trading previsto dal Securities Exchange Act del 1934 è stato esteso ai membri del Congresso nel 2012, quando il Presidente Barack Obama ha firmato lo STOCK Act. La legge stabilisce che:

  • È illegale che un membro del Congresso, un dipendente del Congresso o un dipendente del ramo esecutivo utilizzi informazioni non pubbliche derivanti dalla sua posizione di membro del Congresso, di dipendente del Congresso o di dipendente del ramo esecutivo o acquisite nell'esercizio delle sue funzioni o responsabilità per acquistare o vendere qualsiasi titolo.

Le transazioni azionarie, che sono legali e sono state rese pubbliche, sono state registrate in un nuovo database dell'Office of Public Records del Senato per identificare le attività borsistiche "insolite" dei membri del Congresso.

Sarete lieti di scoprire che le transazioni azionarie sono legali. Potreste anche essere sorpresi di scoprire che si tratta di documenti pubblici. Il database dell'Office of Public Records del Senato è in grado di identificare le attività borsistiche insolite dei senatori statunitensi ed è quindi uno strumento molto utile per chi è interessato a questo argomento. Se vi state chiedendo perché i senatori statunitensi commerciano in azioni, è perché a volte le operazioni sono redditizie e perché essere un senatore statunitense non paga così bene come si potrebbe immaginare.

Nel primo trimestre del 2012, mentre molti vendevano azioni durante un ampio calo del mercato, un senatore statunitense della Georgia ha acquistato $180.000 azioni di Cisco Systems.

Nel primo trimestre del 2012, mentre molti vendevano azioni durante un ampio declino del mercato, un senatore statunitense della Georgia ha acquistato $180.000 azioni di Cisco Systems.

Cisco è una multinazionale americana che fornisce soluzioni di sicurezza e di rete alle aziende. In altre parole, crea sistemi di comunicazione che collegano telefonate e videoconferenze tra uffici di diverse parti del mondo. A seguito della pandemia Covid-19 e delle successive chiusure, i suoi prodotti sono ora più importanti che mai. Le entrate dell'azienda sono aumentate del 20% rispetto all'anno scorso e sembra che questo senatore ne sia venuto a conoscenza prima di tutti gli altri.

Un senatore del Kentucky ha acquistato $60.000 azioni General Electric all'inizio dell'anno e le ha vendute per $80.000 a giugno.

General Electric è un conglomerato americano presente in molti settori e in molti Paesi. Da tempo è una delle più grandi aziende del mondo e le sue azioni hanno una storia di sovraperformance. GE paga anche i dividendi agli azionisti per ricompensare gli investitori che acquistano le sue azioni, e questa può essere un'importante fonte di reddito per i pensionati che detengono azioni GE.

Finora il 2020 è stato un anno positivo per General Electric; dopo essere scesa dai massimi di gennaio di $14 per azione a meno di $6 alla fine di marzo, è rimbalzata rapidamente per chiudere mercoledì a $10,55 per azione. Per i trader che hanno acquistato azioni GE all'inizio di quest'anno in momenti di ribasso come quelli di fine marzo, i rendimenti sono molto elevati (oltre 50%!), ma il trading a breve termine è sempre rischioso e molti trader avrebbero deciso di non effettuare tali mosse in quel periodo, poiché vedevano un'incredibile incertezza nell'economia e nei mercati a causa della COVID-19. Tuttavia, ci sono stati anche periodi in cui non avrebbe avuto senso acquistare azioni GE a causa di tendenze negative all'interno dell'azienda o dell'economia in generale (ad esempio, poco prima della crisi finanziaria).

Due senatori dell'Oregon hanno realizzato un profitto combinato di $122.000 su iShares Russell 2000 Index Fund tra gennaio e marzo.

Un senatore dell'Oregon ha realizzato un profitto netto di $122.000 negoziando azioni di un ETF che segue il Russell 2000. I due senatori dell'Oregon sono stati gli unici a realizzare un profitto, ma anche molti altri senatori hanno investito nel fondo. I senatori hanno acquistato e venduto azioni nell'arco di diversi mesi, una o più volte durante il periodo.

Il senatore dell'Oregon ha acquistato 2.500 azioni di iShares Russell 2000 Index Fund (IWM), un fondo indicizzato molto utilizzato che segue l'indice Russell 2000 di titoli a piccola capitalizzazione. Ha poi venduto 3.000 azioni tra gennaio e giugno 2012, con una perdita netta di $120.000 al lordo di tasse e commissioni. Il conto della moglie non è stato interessato da queste transazioni perché non aveva posizioni aperte in quel periodo,

La senatrice Dianne Feinstein (D., Calif.) ha acquistato fino a $50.000 azioni della Visa Inc. All'inizio di questo mese è stato eletto presidente.

Dianne Feinstein, in carica al Senato dal 1992, ha un marito multimilionario con una vasta gamma di attività commerciali in proprio. Richard C. Blum è un investitore, uomo d'affari e filantropo che ha fondato e presiede la Blum Capital Partners. (Il signor Blum, tramite un portavoce, ha rifiutato di commentare).

Secondo la legge federale, le finanze della signora Feinstein sono detenute congiuntamente a quelle del marito, anche se la signora è tenuta a dichiarare i propri beni nei moduli di dichiarazione che elencano le fasce di valore delle attività e delle passività. Dal 2001 Blum è presidente del consiglio di amministrazione di CB Richard Ellis Group Inc, una delle maggiori società di servizi immobiliari al mondo per fatturato. Dal 1998 al 2014 è stato amministratore esterno di Visa Inc., società di elaborazione di carte di credito. La signora Feinstein ha dichiarato di possedere tra $1 milioni e $5 milioni di azioni Visa fino all'anno scorso; ha venduto tutte le azioni dopo che il Wall Street Journal le ha chieste all'inizio del mese e ne ha dato notizia il giorno stesso".

Immagine predefinita
treinvestitori
Articoli: 5
it_ITItalian