8 errori comuni da evitare come trader principiante (per non perdere denaro il primo giorno)

Punti di forza:

  • Sono molte le insidie in cui cadono i trader principianti
  • Le emozioni possono offuscare il giudizio e portare a decisioni irrazionali.
  • La leva finanziaria non è abbastanza compresa
  • I principianti non usano gli ordini di stop-loss e non sono pronti a tagliare le perdite

Molti trader si lanciano in questo gioco con speranze, sogni e segni del dollaro negli occhi. Hanno visto un amico o un collega sfoggiare il suo Tendine e si sono detti: "Se ce la fa questo idiota, posso farcela anch'io". 

E cosa succede dopo? Perdono la camicia e iniziano a parlare male del trading.

Che ci crediate o no, questo ero io e il mio primo tentativo di trading molte lune fa. 

Se non volete che questo accada a voi, è meglio che impariate dagli errori miei e degli altri. E se avete due cellule cerebrali nella vostra testa, non dovete perdere denaro al primo tentativo. 

Vi illustrerò quindi gli errori più comuni che i trader principianti commettono e che portano a perdere molto denaro. 

1. Eccesso di leva finanziaria 

Ok, iniziamo con l'elefante nella stanza: l'overleveraging. Si tratta di una strategia popolare ma estremamente rischiosa per la maggior parte dei trader, soprattutto per i principianti, che spesso non si rendono nemmeno conto di cosa significhi o possa portare.

Come forse saprete o meno, Trading con la leva finanziaria amplifica i vostri potenziali guadagni e perdite.

Se da un lato questo significa che guadagnerete se l'operazione va a vostro favore, dall'altro significa anche che potreste essere in un mondo di problemi se non lo fa. 

Il trading con una leva finanziaria eccessiva può anche essere incredibilmente stressante e portare a un annebbiamento del giudizio. Questo perché la paura e l'ansia si intensificano con grandi quantità di denaro preso in prestito. 

Il rischio di perdere il denaro che non potete restituire è maggiore e vi spinge a prendere decisioni di trading impulsive e irrazionali. 

2. Saltare in acqua senza un piano

"Un obiettivo senza un piano è solo un desiderio". 

Antoine de Saint-Exupéry

Probabilmente conoscete il detto di Mike Tyson: "Tutti hanno un piano finché non ricevono un pugno in bocca".

Questo significa che la pianificazione è inutile e che non si dovrebbe avere un piano? No, tutti dovrebbero avere un piano per quasi tutto ciò che iniziano nella vita, compresi il trading e gli investimenti. 

Pensate che Iron Mike sia arrivato dove è arrivato senza un piano a prova di bomba? Ha versato sangue, sudore e lacrime nella boxe per molti anni. E lo stesso vale per i trader. 

Certo, non si riceve un pugno in faccia di per sé, ma probabilmente si subisce un danno molto maggiore quando si perde (molto) denaro facendo trading.

Al contrario, quando si dispone di un piano di trading, vi ritenete responsabili di voi stessi. Si evita di rincorrere gli hot tips o di cambiare continuamente strategia. 

Soprattutto, siete meno suscettibili di subire le conseguenze psicologiche della insidie del tradingcome la paura, l'avidità e la FOMO, che possono far deragliare il vostro successo come trader.  

Al mio primo tentativo di trading, scelsi semplicemente le azioni che avevo sentito comprare dal mio amico. Le ho tenute troppo a lungo e le cose sono andate male. 

Non avevo alcun piano e questo mi è costato. 

3. FOMO 

A proposito di FOMO, come il suo cugino YOLO, vi farà perdere denaro più velocemente di una palla di neve a luglio. 

La paura di perdersi operatori commerciali a inseguire lo slancio del mercato. Vedono i prezzi salire e temono di perdere l'occasione. 

Ma quando entrano nell'operazione, lo slancio sta già svanendo e perdono denaro. 

Credo che la FOMO sia come indossare occhiali colorati di rosa. Tutto sembra luminoso, anche se c'è una tempesta dietro l'angolo.   

Siete troppo ottimisti e rischiate un capitale superiore a quello che potete permettervi di perdere, oppure trascurate di impostare gli ordini di stop-loss. 

4. Troppo, troppo presto

I trader principianti sono desiderosi di guadagnare. È naturale, no? Voglio dire, è questo lo scopo del trading. Si vogliono ottenere guadagni il più velocemente possibile. 

E questo è uno dei loro primi errori, perché il trading richiede abilità ed esperienza. Due cose che ancora non hanno. 

I principianti spesso non si prendono il tempo di imparare a conoscere i mercati, l'analisi tecnica e le tecniche di gestione del rischio. 

Quindi, non siate quel tipo di persona. Prendetevi il tempo necessario per imparare le basi. Prendete un Corso di trading azionario, ottenere un applicazione simulatore di trading in tempo realee verificare le vostre conoscenze.  

Praticate la pazienza e la disciplina aspettando le opportunità di trading ad alta probabilità che corrispondono alla vostra strategia. 

Dico sempre che questa è una maratona, non uno sprint. 

5. Non mantenere il sangue freddo 

I piloti di Formula 1 hanno la loro parte di problemi personali, come tutti gli altri. Probabilmente anche di più (più soldi, più problemi). 

Ma quando si siedono su quel veicolo da 200 miglia orarie, non hanno alcun margine di manovra per pensare alle cose che li preoccupano al di fuori della pista. Sono tutti dentro per la durata di quel weekend di gara. 

Per noi trader, Le emozioni possono essere elevate molto spesso se non impariamo a controllarli. E questo porta a decisioni impulsive basate su paura, avidità e ansia. 

In sostanza, creiamo il nostro FUD personale

In definitiva, l'obiettivo è sedersi davanti ai monitor come in una F1. È necessario mantenere la calma anche quando si va a 200 e ci si avvicina alla curva. 

Ciò significa mantenere la calma e la razionalità durante i periodi di turbolenza del mercato e in presenza di un sovraccarico di problemi personali. 

Dovete evitare di reagire in modo eccessivo e di prendere decisioni affrettate. Decisioni che non corrispondono a ciò che vi siete prefissati di fare quel giorno, quella settimana, quel mese o quell'anno. 

6. Overtrading 

Come trader principiante, volevo fare trading, trading, trading. Ma è ovviamente una cosa stupida, no? Voglio dire, non sapevo nemmeno come leggere correttamente un grafico a candele. 

E L'overtrading è del tutto dannoso per molte ragioni.

In primo luogo, vi state esaurendo monitorare costantemente i mercati e l'esecuzione delle operazioni. E questo è un male perché la vostra vita personale e professionale ne risente. 

Ogni operazione comporta anche dei costi di transazione, tra cui le commissioni di intermediazione e gli spread. Quando si fa overtrading, si aumentano questi costi e si intacca il profitto.

E, cosa forse più importante, l'overtrading spesso si traduce in operazioni di qualità inferiore e in una performance complessivamente ridotta.   

7. Non imparare 

Quando si entra per la prima volta in una nuova mappa di Call of Duty, si impara tutto su di essa. Si scopre dove si depositano le armi migliori, dove ci si può accampare e quali sono i punti di blocco. 

Lo stesso dovrebbe accadere quando si inizia a fare trading. 

I mercati finanziari sono incredibilmente complessi e in continua evoluzione e il trading è un'abilità che richiede conoscenza, pratica e perfezionamento. 

Anche i trader più esperti traggono beneficio dalla formazione continua e dall'auto-riflessione per identificare le aree in cui fanno ancora schifo e che devono essere perfezionate. 

I trader che conosco sono tra le persone più intelligenti che conosco. Non perché siano nati con un quoziente intellettivo elevato (perché non lo sono), ma perché amano imparare e migliorare

Amano il trading più di ogni altra cosa e vogliono sapere tutto su di esso. 

Quando ho perso la prima tranche di denaro nel trading, non sono tornato a farlo per un po' di tempo. Ero determinato ad avere successo ed è per questo che sono diventato uno studente del gioco. 

Ho seguito corsi di trading e ho iniziato a trading su carta. Mi sono comunque divertito molto, anche se non avevo soldi veri nel gioco. 

Ma sapete una cosa? Ho imparato tutto sul trading senza rischi. 

8. Non ridurre le perdite

"Nel trading e negli investimenti non conta quanto si guadagna, ma quanto non si perde". 

Bernard Baruch

Non tagliare le perdite è come guidare con una gomma a terra. Certo, si può fare qualche progresso, ma alla fine si va incontro a problemi. 

Troppi trader si attaccano emotivamente alle posizioni perdenti. Sperano che le cose si aggiustino e non vogliono affrontare la musica (che hanno commesso degli errori). 

Trattenere le operazioni perdenti significa anche spreco di capitale che potrebbero utilizzare in modo più efficiente altrove. 

Ma una delle cose più basilari che si imparano nei corsi di trading o nella scuola di trading è ordini di stop-loss

È uno strumento di gestione del rischio così semplice e meraviglioso che può farvi risparmiare un sacco di soldi. 

So che le perdite sono dolorose, ma sono anche una delle parti fondamentali del trading. Se non riuscite a gestirle con grazia, beh, indovinate un po'? Non siete fatti per il trading. 

In conclusione

Un trading di successo richiede disciplina, pianificazione, apprendimento continuo e un'efficace gestione del rischio. 

Prima imparerete tutto questo, meglio sarete trader. Non commettete gli stessi errori del 99% dei nuovi trader. 

Foto dell'avatar
Tre investitori
Articoli: 34
it_ITItalian
Iscrizione a eToro